Articoli

Il futuro è adesso, i giovani scendono in campo

In Fondazione Italiana Europa Popolare

La grade sfida di essere protagonisti del presente sarà al centro dell’Assemblea dei giovani del Movimento Cristiano Lavoratori che si terrà a metà del prossimo dicembre. E, soprattutto, sarà al centro del percorso che porterà i giovani all’Assemblea stessa, animando gli incontri provinciali e regionali che si svolgeranno tra settembre e dicembre.

Non è certo una sfida nuova, ma è il culmine di un percorso che è stato segnato da tanti e significativi momenti vissuti dai giovani del Mcl in questi anni, tra i quali spiccano le Summer School organizzate insieme all’Univer¬sità Cattolica del Sacro Cuore di Milano, i seminari di studi di Strasburgo e Senigallia e, soprattutto, la celebrazione dei 40 anni del Mcl (con il toccante pellegrinaggio in Terra Santa e il commovente incontro con papa Benedetto XVI) e l’ultimo Congresso del Mcl che si è svolto lo scorso marzo. Proprio l’ultimo Congresso, sul tema «Il lavoro primo fattore di ripresa. Realizzare le riforme per garantire democrazia e giustizia sociale», ha visto i giovani come protagonisti sia per le responsabilità che molti di loro hanno assunto a livello nazionale e locale, sia per il contributo che hanno dato ai lavori congressuali stessi. Non a caso il presidente del Mcl Carlo Costalli ha sottolineato, come in tantissime altre occasioni, il ruolo decisivo che i giovani hanno nel Movimento, un ruolo non per il futuro, ma da vivere nel presente. Proprio questa, quindi è la grande sfida: vivere da protagonisti il presente.

Occorre fuggire dal paradosso del mondo moderno segnato dalla frenesia del tutto subito e, allo stesso tempo, dal posticipare il più possibile le cose che contano (come la pienezza della vita affettiva e di quella lavorativa), per riscoprire il valore del presente. I grandi desideri che caratterizzano la vita di ciascuno di noi, in particolare di chi è più giovane, non possono essere il sogno di un futuro lontano, ma devono essere ciò che rende degno e bello il nostro oggi. Così è possibile comprendere l’importanza dell’impegno quotidiano e la sfida di accettare le responsabilità. Tutto questo diventa il fondamento di una presenza attiva nelle opere del Movimento, nella testimonianza in molti contesti difficili dell’appartenenza alla Chiesa, nell’attenzione predominante che il Mcl ha per l’educazione e la formazione. Così il percorso che porteràall’Assemblea dei giovani del Mcl non sarà la compiaciuta auto celebrazione di quanto è già stato vissuto, ma sarà la possibilità di riscoprire le ragioni e le radici di un impegno che, grato di quanto vissuto nel passato, vuole rinnovarsi nel presente. Senza accontentarsi di ‘vivacchiare’, per riprendere le belle parole di papa Francesco sui giovani, perché «vivere senza una fede, senza un patrimonio da difendere, senza sostenere in una lotta continua la Verità, non è vivere, ma vivacchiare». Appunto, non vivacchiare per il futuro ma vivere l’oggi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...